WC-ShopNeaplitan pit stop house
Trasformare la necessità di servizi igienici a Napoli in un business. Dei wc-shop.
Bagni pubblici, ricavati nei bassi ma anche in grandi strutture che possano
iventare un nuovo luogo “cult” napoletano. Strutture a pagamento che siano
nche dei piccoli negozi/basic bar/info point. Strutture che trovino al loro interno
degli info point per i turisti e servizi abbinati come un deposito bagagli, una rete wi-
fi, dei desk informatici e la possibilità di confrontarsi con un personale altamente
qualificato che possa essergli di aiuto per la scelta dei percorsi culturali da
intraprendere Una autosostenibilità totale ed un servizio fondamentale per il
L’idea sarebbe di realizzare al Decumano del Mare il primo grande WC-Shop. Il
“Nuovo Decumano” sta decollando grazie al lavoro svolto dai commercianti negli
ultimi 10 anni. Prima come decumano della movida, oggi come decumano
culturale. Di notte si sta assistendo a una trasformazione del pubblico e a un netto
miglioramento dell’utenza nonché alla presenza di molti turisti che non avevano
un luogo dove potersi rifugiare la notte per bere un drink e conoscere i napoletani
veri, quelli che vivono la città nella normalità. Il Decumano del Mare sta
diventando meta di moltissimi turisti per visitare la Basilica di San Giovani
Maggiore, la Cappella Pappacoda e il chiostro di Santa Maria la Nova.
Si è già trovato un luogo ideale, un grande spazio su strada di circa 80 mq che
sarebbe perfetto per avviare questa idea e creare un numero “zero” da replicare
poi in tutta la città ed esportarlo come idea made in Naples.
Realizzare dunque il WC-shop in questo luogo significa dare il ben venuto ai turisti,
offrendo un servizio fondamentale in una area già attrezzata con piazzette e
molte sedute ad uso gratuito, aree verdi affidate, bar e punti di asporto a servizio
dei turisti che potranno scegliere che livello di servizio preferire. Tra questi servizi ci
dovrà essere il primo bagno pubblico Napoletano.

#quietpitstop

Il progetto in un tweet
napoli
Città
NA
Provincia
Campania
Regione