Un dono dell’800 che rinnova i suoi frutti

Il progetto, proposto dall’Associazione SocialMente di Urbisaglia (MC), intende riqualificare il piano terra di un edificio d’epoca, sito in paese e concesso in uso all’Associazione dall’Amministrazione Comunale. La riattivazione di questo spazio, da tempo sottoutilizzato, mira a realizzare una biblioteca e una sala polivalente ad uso di cittadini e associazioni, nell’ottica di rigenerare un bene pubblico a supporto dell’aggregazione giovanile e intergenerazionale, ma con modalità tali da sostenere il processo di innovazione del territorio e promuovere lo sviluppo socio-culturale della comunità locale.

La riqualificazione proposta, di adeguamento della struttura alle vigenti normative antincendio per le biblioteche, è essenziale per rendere fruibile l’intero patrimonio librario di SocialMente (10.000 libri), in parte già etichettato, catalogato e consultabile in Opac, e per allestire la sala polivalente, così da far evolvere i servizi socio-culturali già offerti, con particolare attenzione ai giovani.

Il territorio rurale, periferico e poco incline ai cambiamenti, necessita infatti di aprirsi meglio alle innovazioni, per rispondere alle esigenze di vita e all’inserimento lavorativo dei giovani.
Il progetto, favorito da quanto già ampiamente avviato da Associazione e Comune, con spazi, attrezzature, attività, rete già in essere, mira a sostenere tale processo:
– collegandosi a realtà esterne di eccellenza, quali fornitori di costante innovazione;
– introducendo l’innovazione nello svolgimento delle attività e nell’organizzazione (apertura ad iniziative innovative, validazione delle competenze dei volontari);
– rafforzando la co-programmazione e co-progettazione delle attività con i cittadini, in particolare giovani;
– trasferendo l’innovazione fra le associazioni in rete;
– valorizzando le risorse locali, in termini di competenze e patrimonio culturale;
– migliorando l’offerta di servizi per l’inserimento socio-lavorativo (integrazione con il costituendo sportello comunale di informazione orientativa e validazione competenze);
– proponendo un nuovo modello di partenariato, che include oltre all’Associazione, Comune e Cooperativa sociale S.F.E.R.A. s.c. Onlus, attiva nei servizi socio-educativi innovativi;
– praticando un modello di sostenibilità ad orientamento etico, che contiene e condivide i costi e tende a favorire il bene comune;
– prevedendo monitoraggio e valutazione del progetto con inclusione dei fruitori dell’iniziativa.

L’edificio donato a Urbisaglia dal Conte Giannelli, dopo aver ospitato per 100 anni la scuola, torna a germogliare e prepara nuovi frutti

Il progetto in un tweet
Urbisaglia
Città
MC
Provincia
Marche
Regione