Sezione Officine

Sezione Officine è un progetto di Live Arts Cultures che si attuerà nel capannone 32 dell’ex forte militare Forte Marghera a Venezia-Mestre, dove l’associazione opera; è un centro di produzione per la sperimentazione dei linguaggi delle arti dal vivo, con attenzione alla contaminazione fra ricerca coreografica, musica sperimentale, performance art, video, nuove tecnologie. Ospita artisti in spazi attrezzati, contribuendo alla produzione, favorendo gli scambi, le collaborazioni transnazionali. Si rivolge a giovani artisti in carriera e a professionisti dello spettacolo che condividano l’ideale di multidisciplinarietà come lessico imprescindibile nelle arti performative, consapevoli della necessità di acquisire e distribuire pari competenze nelle diverse arti: non una somma di saperi ma una condivisione di sistemi in interdipendenza. Ogni produzione avviene in residenza e si conclude con una presentazione pubblica – anche di un work-in-progress: transitando nel territorio, l’artista lascia traccia del suo fare e dona al pubblico il rinnovamento dei saperi. Le selezioni e l’accoglienza sono curate da un gruppo di giovani artisti consapevoli del loro ruolo di operatori culturali e capaci di creare competenze, opportunità e favorire la qualità; le pratiche degli artisti-curatori sono messe a disposizione degli ospiti innescando un duplice scambio: da una parte gli artisti-curatori offrono il loro sapere, dall’altra approfondiscono i nuovi punti di vista apportati dagli ospiti, generando linfa per il loro lavoro a Sezione Officine, ossia la ricerca e lo studio nelle relazioni tra corpo, suono, movimento, spazio, nuove tecnologie.
I laboratori residenziali costituiscono la proposta formativa rivolta agli artisti e al pubblico dei non addetti ai lavori; per una sostenibilità del fare artistico è necessario aggiornare la formazione degli artisti ed erudire il pubblico, fornendo un dizionario utile alla comprensione di un linguaggio in continua evoluzione, pratiche non sempre continuative nell’operatività dei luoghi accademici/istituzionali. La continuità è uno dei fattori imprescindibili della didattica, così come l’integrazione della diversità. Anche i laboratori si concludono con una restituzione pubblica: LAC cura da 3 anni il festival Electro Camp, esplicativo di questi processi, al quale vuole dare crescita confermando nuove edizioni. Corsi, collaborazioni, operazioni culturali e spettacoli a bigliettazione garantiscono la messa a reddito dello spazio.

Sezione Officine: centro di produzione/formazione delle arti dal vivo per la nuova società creativa #culturability3 www.liveartscultures.org

Il progetto in un tweet
Venezia
Città
VE
Provincia
Veneto
Regione
Social accounts