Scuola Civica “Alma d’Arte”

Rigenerare luoghi per generare nuovi spazi di cittadinanza non delegata: “Alma d’Arte” reinventa una dismessa scuola di campagna per rivitalizzare la comunità locale, dilatandone i confini. La scuola opererà in ambiti artistici, formativi e professionali (con attività di teatro, danza, musica e fotografia) e nel campo del project e marketing management artistico, con uno sguardo privilegiato alla social media communication. Base d’incontro creativo e progettuale per i cittadini dell’Appennino postmoderno, “Alma d’Arte” sarà il luogo di una radicata ma inedita narrazione del presente che ravvivi il desiderio di un futuro.
In questa operazione di “riuso” è fondamentale una diffusa “riconsiderazione” di vecchie-nuove pratiche artistiche, parto terragno della sensibilità locale capaci però di uno slancio apolide e globale. In virtù della doppia natura dell’arte, universale eppure fondata su un “fare” concreto in uno spazio determinato, la Scuola Civica “Alma d’Arte” sarà luogo fisico di formazione e produzione e al contempo contenitore virtuale dove saranno raccontate e s’incontreranno esperienze di arte inclusiva di tutto il mondo. Una funzione di raccordo fondamentale in un mondo multipolare.
Con una redazione specifica e una comunicazione capillare, il portale di “Alma d’Arte” racconterà tutte quelle esperienze umane, artistiche e sociali basate su una nuova modalità di fare arte e sulla messa in rete di tale esperienza, nonché a promuovere il riconoscimento di tali approcci d’innovazione sociale presso le istituzioni ancora restie a certe forme d’inclusione.

“Alma d’Arte” è una scuola civica nata dalle ceneri di una scuola di campagna. Contenitore vecchio di nuove storie d’arte e inclusione.

Il progetto in un tweet
Sant'Angelo a Cupolo
Città
BN
Provincia
Campania
Regione