READYVIVO | Laboratorio di buone pratiche e cittadinanza attiva

Il progetto di rinnovazione sociale e innovazione urbana READYVIVO si pone lo scopo di creare un laboratorio di buone pratiche che promuovano la cittadinanza attiva in un’area artigianale nel pieno centro del paese, abbandonata e mai utilizzata, attraverso la riconversione dell’originaria finalità di utilizzo e la riqualificazione allo scopo di frenarne il processo di degrado e abbandono.
Come diverse aule di laboratorio, l’area sarà suddivisa in un orto urbano e una food forest mediterranea, un’area compost condivisa e una dedicata ai workshop e agli eventi, un sistema di pannellini solari e pale eoliche nane per l’autosufficienza energetica, un sistema di raccolta dell’acqua piovana per l’irrigazione e un capanno per gli attrezzi.
Il progetto prevede l’ideazione e lo sviluppo di un format esportabile diviso in quattro fasi:
1 – decoro: ritorno dell’area abbandonata, mai utilizzata e in stato di profondo degrado, ad uno stato decoroso;
2 – arredo: riappropriazione dello spazio da parte della collettività attraverso un processo di trasformazione dal basso. Rendere fruibile lo spazio partendo dalle esigenze di quelli che ne andranno ad essere i fruitori;
3 – orti urbani e aree verdi: a seconda dei bisogni, della tipologia e delle caratteristiche degli spazi, insieme alle necessità dei fruitori, ogni spazio può avere una delle due finalità differenti;
4 – affido del format ad un numero sempre crescente di cittadini, gruppi, associazioni per la diffusione delle buone pratiche create su scala sempre crescente.
Insieme al format, ai destinatari verranno affidati due studi, realizzati attraverso una serie di workshop con il coinvolgimento dei partner e di esperti dei vari settori. Il primo riguarderà una serie di piccole buone pratiche che, applicate alla vita di tutti i giorni e senza intaccare in maniera esagerata le nostre normali abitudini, apporterebbero una serie di importanti benefici comuni: riduzione della produzione di rifiuti e dei consumi (acqua, elettricità, gas), maggiore efficienza energetica, riduzione degli sprechi, riduzione di emissioni CO2 e diminuzione dell’inquinamento urbano, anche se minimo nel nostro caso. Il secondo riguarderà, invece, uno studio più approfondito sulla ricerca di soluzioni che rendano il Comune sempre più autonomo e autosufficiente dal punto di vista energetico riducendo sprechi ed inutili eccessi e trovando soluzioni sostenibili nel più pieno rispetto della natura e del nostro territorio.

#readyvivo #prontiallarinascita #exareartigianale #exabbandono #trasformarebuonepraticheinprassi #ritornoalfuturo #culturability3

Il progetto in un tweet
Milena
Città
CL
Provincia
Sicilia
Regione
Social accounts