Rayuela 100celle

Il progetto Rayuela 100celle intende costruire e restituire alla comunità del quartiere una fruizione condivisa dell’arte e della cultura letteraria, convinti che tale linguaggio sia il motore per la costruzione di una piena e attiva cittadinanza, l’unico che può raccontarci chi eravamo, chi siamo e quale valore aggiunto si può esprimere come soggetto plurale. Privilegiando un contatto con diverse realtà culturali, piccoli e medi editori, autori e artisti, si propone di superare la logica della cultura esemplificata solo attraverso il consumo. Rayuela 100celle vuole collocarsi in un quartiere, Centocelle, cresciuto, come le attigue ex borgate Gordiani e Quarticciolo, urbanisticamente e demograficamente a cavallo dei due conflitti mondiali attraverso un massiccio flusso migratorio che ne ha denotato il carattere popolare; il quartiere, fino a non molti anni fa considerato estrema periferia e spesso sinonimo di delinquenza, oggi sta rapidamente cambiando volto. Multiculturalità e nuove infrastrutture sono tra i fattori che stanno agevolando un cambiamento della zona, e Rayuela 100celle vuole agire facilitando le interazioni di questo nuovo tessuto urbano in formazione, creando occasioni di condivisione e conoscenza e coniugando le istanze culturali con quelle sociali, promuovendo l’aggregazione tra le persone attraverso la cultura, realizzando occasioni d’incontro, e favorendo processi di apprendimento formali e non in grado di raccontare il nostro passato e il nostro quotidiano: uno spazio ibrido tra libreria e biblioteca, un festival letterario ed editoriale permanente, un polo culturale per la progettualità di due realtà a noi direttamente legate (il collettivo di scrittori TerraNullius e l’associazione Flep!), uno spazio che sappia contaminarsi delle istanze del quartiere e contaminare a sua volta anche attraverso tecniche e strumenti connessi alle nuove tecnologie, come e-book, Social Sharing, archivi in copyleft, ecc. Rayuela 100celle intende implementare la fruizione di storie, letteratura e luoghi dedicati alla costruzione di un’identità collettiva fortemente ancorata al territorio. Sarà inoltre un ponte generazionale che darà voce alla memoria dei più anziani. Rayuela, dal titolo del più celebre romanzo di Cortázar, è il gioco della campana, ed è un libro che pretende dal lettore un ruolo attivo, quasi alla pari con l’autore, una scelta costante e responsabile, allo scopo di modificare l’approccio del lettore al romanzo, e alla lettura.

#Rayuela100celle è uno spazio di #cittadinanza attiva a #Roma: #libreria, #biblioteca, un #festival permanente delle arti… È #cultura!

Il progetto in un tweet
Roma
Città
RM
Provincia
Lazio
Regione