Partendo dalla cultura, dal territorio, dalle radici, sviluppando il turismo, valorizzando il patrimonio, i beni culturali, gli antichi mestieri e le arti, creando nuovi ecosistemi, in partnership con diverse realtà, pubbliche e private, il progetto intende ridare nuova linfa ed energia al quartiere della Chiusa di Cinisi (Pa).
Si prevede innanzitutto la ristrutturazione dell’antico casolare in pietra, che fu l’ingresso (Open) di un vecchio agrumeto, risalente agli inizi del 1900: luogo da cui partire, sede operativa da cui sviluppare le azioni da intraprendere.
Si avvierà una ricerca sociale, economica ma anche storica ed urbanistica, per ottenere degli indicatori certi su cui agire e per raggiungere gli obiettivi preposti.
Successivamente si costituirà il Network di proprietari, di abitazioni, di singole stanze, di strutture private, di botteghe e luoghi, anche pubblici che, entrando a far parte del circuito, verranno animati e, come un contenitore immaginario, arricchiti di cultura, iniziative, confronti continui, economia, di una nuova ecologia (orti urbani, agricoltura sociale,…), di manifestazioni. Si vuole trasformare il quartiere della Chiusa in un luogo che si apre al mondo, paese albergo/diffuso, che riscopre le sue radici (emigrati, arti, mestieri), rilanciando le tante ed antiche tradizioni e facendo nascere una nuova economia a km 0.
Con CHIUSA OPEN verranno rivitalizzate strade, luoghi, messi in circolo nuovamente spazi sottoutilizzati, dato un nuovo restyling al territorio, istituiti spazi pedonali, per il buon vivere, una cittadella che rinasca proprio dall’ingresso dell’agrumeto(casolare da ristrutturare), affinchè la Chiusa di Cinisi possa ottenere un nuovo appeal, anche internazionale, e si attivino processi con “spillover effects” culturali e creativi.
Tutto sarà in rete, persone e cose, e all’interno di una piattaforma tecnologica, web, mobile, App, per le prenotazioni, in più lingue; verrà creata una card (smart city), saranno aperti i relativi account sui Social Network, attraverso i quali verrà anche effettuato lo storytelling delle diverse manifestazioni e di tutte le buone pratiche messe in atto.
Trovandosi il quartiere tra il mare e la montagna, in un contesto di bellezze paesaggistiche, verranno organizzati percorsi di gusto, di paesaggio, di legalità, e si valorizzeranno i prodotti locali ed i saperi (e-commerce), gli “antichi cibi e sapori” (la manna del frassino, il carrubo, il fico d’india…).

#culturability3 Non solo un quartiere: cultura, buon cibo, bellezza del territorio, paese albergo, turismo di radice… Let’s Open Chiusa!

Il progetto in un tweet
Cinisi
Città
PA
Provincia
Sicilia
Regione
Social accounts