“Casa delle arti”

Valorizzare il Museo di Arte Contemporanea di Genova.
Partendo dal contenuto, l’arte contemporanea, valorizzare il contenitore: migliorando la fruizione del museo attraverso servizi accessori, ampliando l’offerta dei contenuti culturali.
Trasformare Villa Croce in un centro di aggregazione culturale, casa delle arti contemporanee, in grado di liberare l’energia creativa del territorio e di restituire ricchezza culturale ed economica allo stesso. Attivare questo processo utilizzando l’arte contemporanea come link per far dialogare il museo con le eccellenze culturali nazionali ed internazionali: individuare partner con cui sviluppare progetti e sperimentazioni attraverso cui co-creare valore. Questo dialogo è trasversale, grazie alla duttilità dell’arte contemporanea, permette di immaginare connessioni con la scienza, l’economia, la tecnica e fra le diverse forme d’arte in un continuo mash up sinergico. La valorizzazione del museo di arte contemporanea rappresenta un’opportunità di rigenerazione del tessuto economico, culturale, sociale della città. Genova si trova infatti a vivere una delicata fase di transizione economica, da città industriale a città con un forte potenziale turistico e culturale. Ma non solo. Anche città della scienza e della tecnica, dall’ingegneria navale agli studi sull’intelligenza artificiale dell’I.I.T.. Il passato convive con il presente nella ricerca di una rinnovata identità urbana. L’istituzione museale può e deve svolgere un ruolo privilegiato in questa ricerca facendosi interprete delle istanze, dei desideri, delle paure, delle speranze del territorio. Ponendo domande e stimolando risposte attraverso cui la comunità legge il proprio presente e rielabora la propria memoria. In questa prospettiva la valorizzazione del Museo di arte contemporanea di Villa Croce rappresenta un’occasione importante per la città. Affidare questo compito ad un team di giovani significa inoltre sperimentare una nuova visione in cui pubblico e privato collaborano dentro un’orizzonte comune: la progettazione culturale come fattore di sviluppo dei territori. La strategia di rete territoriale attraverso cui valorizzare un bene della collettività può essere efficacemente attivata da un soggetto come un’impresa culturale che per definizione ibrida la pragmatica incisività del metodo manageriale con la pianificazione culturale sul territorio. Il cuore del progetto: valorizzare un museo per far crescere un territorio

#valorizzazione del patrimonio e ampliamento della fruizione culturale

Il progetto in un tweet
Genova
Città
GE
Provincia
Liguria
Regione